Cinema & Lavoro - Le schede
film: Il posto di Ermanno Olmi

Affrontare i grandi temi del lavoro, del sindacato, della partecipazione e della rappresentanza
ricorrendo al linguaggio universale del cinema

Clicca sull'immagine per vedere la video presentazione di questo film sul nostro canale YouTube. Nella descrizione del video sul canale YouTube CISL FP Verona troverai anche i link alle piattaforme di streaming che rendono disponibile il film alla visione.

Il posto

Domenico Cantoni, un giovane della provincia di Milano, si reca in città per partecipare ad un concorso indetto da una grande azienda per alcuni posti di impiegato. Domenico supera le prove ed è assunto; ma in un primo momento si dovrà accontentare di essere un fattorino, al contrario di Antonietta, una giovanissima ragazza di Milano, conosciuta durante le prove e assunta come impiegata. Purtroppo i diversi turni e le diverse mansioni impediranno ai due ragazzi di incontrarsi ancora. Si avvicina il Capodanno e Domenico, inaspettatamente, incontra Antonietta che lo invita a prendere parte alla festa che sarà organizzata dal CRAL aziendale. Domenico partecipa al ballo, ma Antonietta non c'è. Il dolore per quella delusione sarà tuttavia reso sopportabile dalla notizia che, per la morte di uno degli impiegati, Domenico lascerà la divisa di fattorino per avere una scrivania tutta sua.


Il cast del film

  • Regia: Ermanno Olmi
  • Attori: Sandro Panseri - Domenico Cantoni, Loredana Detto - Antonietta, Tullio Kezich - Esaminatore, Mara Revel
    - Collega di Domenico, Guido Chiti, Bice Melegari , Corrado Aprile
  • Soggetto: Ermanno Olmi
  • Sceneggiatura: Ermanno Olmi, Ettore Lombardo
  • Fotografia: Lamberto Caimi
  • Musiche: Pier Emilio Bassi - Il tema "Funiculì, funiculà" è di Luigi Denza.
  • Montaggio: Carla Colombo
  • Scenografia: Ettore Lombardi

Dati tecnici del film

  • Durata: 98 minuti
  • Colore: Bianco/Nero
  • Genere: Sociale
  • Produzione: The 24 horses
  • Distribuzione: Titanus - Ed. successive Mondadori Video


Recensioni al film:

Il posto, contiene molti elementi tipici del cinema del maestro Olmi: una predilezione per gli ambienti rurali e suburbani, l'elogio della semplicità, le difficoltà del singolo nell'impatto con la società, l'innamoramento giovanile. Olmi tratteggia il percorso di Domenico, questo giovane senza troppe qualità, dalla provincia sonnacchiosa alla metropoli frenetica, dove è in atto quel boom economico che sta cambiando la società. Con l’utilizzo di una cinepresa tranquilla ma penetrante, Olmi guarda, esplora il mondo degli adolescenti, la timidezza quasi patologica, di Domenico e in contrapposizione l’intraprendenza di Antonietta-Magalì, esamina gli uffici e gli interminabili corridoi senza troppo condannare la struttura piramidale dell'impresa. Il Posto è uno dei primi film veramente liberi italiani, racconta una storia di costrizione e di frizione tra tradizione e modernità, Il Posto è chiaramente il posto di lavoro che un giovane dell'hinterland raggiunge a Milano e il film racconta il processo di selezione per l'impiego in questione con qualche accenno grottesco e molta malinconia. I suoni in presa diretta forse sono la cosa più sorprendente (assieme alle molte sequenze che sembrano rubate) fondamentali per creare lo spazio e disegnare una dimensione tridimensionale nella quale avviene l'azione, stimolando sensazioni ed "odori". L’uso espressionista del dialetto, volti non professionisti, senso del grottesco e un ottimo incastro dei personaggi nel contesto urbano fanno del Posto un film italiano d’eccellenza, della miglior scuola, che tiene ferme le regole della tradizione e allo stesso tempo sorpassa il confine nazionale e temporale. (Vincenzo Ardito, Cined).

Olmi descrive con onestà e senso della realtà il mondo del lavoro, in un film che racconta «la presa di contatto di Domenico, ancora integro nella sua fresca disponibilità e intelligenza, col desolato, intristito, squallido mondo impiegatizio» (Morando Morandini, in Lontano da Roma: il cinema di Ermanno Olmi. Firenze, La casa Usher, 1990).

Non si tratta solo di una storia individuale, ma della transizione epocale di un'intera società: «I miei primi film sono storie sulla povertà ma in cui c'è sempre un po' della storia del nostro paese. Il passaggio dalle società contadine a quelle operaie, o da queste alla nuova borghesia. Nel Posto lo si vede bene nella casa di Domenico, una cascina in cui non si lavora più la terra ed è diventata solo un dormitorio per gente che va a lavorare in fabbrica e in città. Tra poco in quelle stalle senza più animali avrebbero messo le Lambrette e le Seicento» ( Alberto Farassino, Il posto di Olmi precursore di Dogma, in la Repubblica, 5 giugno 2001).

«Un film antispettacolare che, con ironica levità, offre un quadro acuto della condizione piccolo-borghese nella Milano degli anni Sessanta, con attenzione e simpatia per il giovane protagonista.» (Paolo Mereghetti, Il Mereghetti. Dizionario dei film 2000, Baldini Castoldi Dalai, 1999).


su questo film:


Se hai una utenza Google, per essere sempre aggiornato sulle nuove proposte iscriviti al nostro canale



è un progetto curato da Marco Nundini e Danny Marchi per CISL FP Verona. Per informazioni o contatti su questa iniziativa: cinemaelavoro@cislfpverona.it. Marchi e nomi commerciali citati sono di proprietà delle relative aziende.